martedì 30 ottobre 2007

Chi vola vale: se i fumetti mettono le ali (di Ippolito Edmondo Ferrario)

Articolo di Ippolito Edmondo Ferrario
Dal Secolo d'Italia di sabato 27 ottobre 2007

Il mondo dell’aviazione ha sempre suscitato l’ammirazione di tutti per le sue imprese, il progresso delle macchine volanti e soprattutto per i suoi uomini che spesso sono entrati a far parte della leggenda. A questo mondo fatto di arditi, imprese spericolate, e macchine volanti è dedicata un’originale mostra che si inaugura il 28 ottobre a Trento al Museo dell’Aereonautica Giovanni Caproni, realizzata e ideata da Esaexpo in collaborazione col museo stesso e con la libreria antiquaria Little Nemo di Torino.
“Fumetti con le ali”, questo il titolo della rassegna curata da Piero Zanotto, raccoglie ben 150 opere stampate (tra albi e riviste) e 70 tavole originali che raccontano come il mondo dei comics si sia avvicinato al mondo dell’aereonautica e lo abbia raccontato con stili e modi differenti. L’obiettivo di Piero Zanotto è stato quello di ricercare e raccogliere i migliori fumetti del novecento a livello internazionale che nel corso dei tempo hanno parlato di aerei, dirigibili, palloni aerostatici, elicotteri. La mostra è stata suddivisa in sei sezioni: "Sogni e umorismo", "Avventura", "Cieli di guerra", "Voli di pace e aeronautica civile", "Storia e ardimento", "Un volo per caso".
La rassegna si apre con i comics statunitensi di inizio secolo firmati da Winsor Mccay per poi approdare in casa Disney con un’avventura di Mickey Mouse che sogna di emulare le mitiche imprese del trasvolatore Lindbergh. Successivamente, per mano del fumettista Floyd Gotfredson, il topo più famoso del mondo si trasformerà davvero in uno spericolato aviatore in più occasioni. Non mancano poi delle firme celebri e di assoluta importanza del fumetto a stelle e strisce degli anni quaranta quali Milton Caniff e Frank Miller. In ambito nazionale la rassegna non è certo meno interessante. C’è Hugo Prat, il papà di Corto Maltese, che con la storia “Gli scorpioni del deserto” mette al suo eroe le ali, proseguendo poi con altri suoi lavori recenti quali “In un cielo lontano”, “Per i settant’anni dell’aeronautica Militare” fino a “Saint Exupéry”. Non poteva poi mancare la bella aviatrice Petra Chérie protagonista della storia “L’ultimo volo” nata dalla mano del mitico Milo Manara in collaborazione con Federico Fellini, Dino Battaglia, Sergio Toppi, Gino d’Antonio, Attilio Micheluzzi. Anche il disegnatore Ferdinando Tacconi, da poco scomparso, ricopre un ruolo fondamentale nella rassegna, tanto più che nel corso della sua carriera si guadagnò, proprio per la sua produzione icentrata sull’aviazione, il soprannome di “L’uomo degli aerei”. Nel 1994 sulle pagine de “Il Giornalino” apparve infatti una sua entusiasmante e ricca storia del volo intitolata “Il sogno di Icaro”. In tempi più recenti anche Mister No, striscia edita dall’editore Bonelli, affronta il tema del volo in chiave sempre avventurosa. Della scuola franco belga appartengono invece due disegnatori di eccezionale e indiscussa bravura quali Jean-Michael Charlier e Albert Weinberg i cui lavori giunsero in Italia sulle pagine del “Corriere dei ragazzi” e su “Classici Audacia”. Il curatore della mostra ha voluto dedicare una sezione anche al fumetto come ricostruzione di fatti storici drammatici e recenti: stiamo parlando di “The commission 9/11”, cioè il Rapporto Illustrato della commissione americana sugli attacchi aerei terroristici dell’11 settembre alle torri Gemelle i cui autori sono Sid Jacobson e Ernie Colòn. Sempre sullo stesso tema c’è l’inquietante lavoro “L’ombra delle torri” firmato da Art Spiegelman. La mostra, che finirà il 6 gennaio 2008, è corredata da un catalogo (112 pp., 250 illustrazioni a colori) che pubblica tutti i materiali esposti con la schedatura critica delle opere.
Catalogo esaExpomostre - € 16,00
Ippolito Edmondo Ferrario, classe 1976, vive e sopravvive a Milano, dove si diletta a fare il mercante d'arte. Giornalista e scrittore, ha pubblicato numerosi libri dedicati a Triora, il famoso paese delle streghe, di cui è cittadino onorario, i noir Il pietrificatore di Triora col quale ha dato vita al detective Leonardo Fiorentini, suo alter ego, e Il collezionista di Apricale... e le stelle grondano sangue (rispettivamente Fratelli Frilli Editori, 2006 e 2007)

4 commenti:

Giovanni D. S. ha detto...

Ricordo che tempo fa alla libreria della Stazioen Termini trovai un libro a fumetti molto interessante dell'aeronautica in cui si narravano le storie di alcuni assi della Regia Aeronautica durante la guerra fra cui anche la storia del Comandante Irnerio Bertuzzi pilota di aerosiluranti durante la guerra prima con la Regia Aeronatica e poi con la Repubblica Sociale Italiane e nel dopoguerra pilota dell'Ingegner Mattei che nonostante il suo passato nella RSI lo prese a lavorare con se.

Roberto Alfatti Appetiti ha detto...

Non conoscevo questa pubblicazione, interessante...

Giovanni Di Silvestre ha detto...

La vidi tempo in un bancone alla libreria della Stazione Termini. Doveva essere il 2002, se passa dai un'occhiata sta allo spazio dei fumetti.

Anonimo ha detto...

ho visto quel volume ieri alla Borri books di stazione termini di Roma, è della Lizard lo tengono al piano inferiore nel super fornito settore fumetti