mercoledì 31 ottobre 2007

Il "rosso Trevi" ha colonizzato la blogsfera

Dal Secolo d'Italia di mercoledì 31 ottobre 2007

«E’ stata la più formidabile performance artistica che Roma abbia ospitato da molti decenni a questa parte e, con assoluta certezza, la più bella poesia mai scritta sulla fontana di Trevi. La bellezza non ha senso né finalità seconde: perfino il volantino che ha inteso spiegare l’atto in sé si è dimostrato un di più». L’identità dell’autore e le motivazioni politiche diventano dettagli. Optional superflui e inadeguati al cospetto del trionfo dell’immaginario. Miro Renzaglia (nella foto a sinistra), scrittore e – dal maggio 2006 – blogger tra i più letti da destra (il suo sito, mirorenzaglia.com, ha totalizzato oltre 3 milioni di visite), ha centrato al cuore la questione: la potenza suggestiva delle immagini di Trevi rossa, che in poche ore hanno fatto il giro del mondo, ha messo il silenziatore a ogni tentativo (maldestro quanto ipocrita) di speculazione politica, al piccolo cabotaggio delle dichiarazioni stampa usa e getta, della tolleranza zero a targhe alterne.
Ai “progressisti”, che avevano prontamente puntato il dito sul “vandalo”, il cinquantaquattrenne Graziano Cecchini – non senza averne furbescamente annusato la provenienza per “smascherare” fantomatiche contiguità con An – non è rimasta che una mesta e imbarazzata ritirata. Certificata dal New York Times, che mercoledì scorso, citando le entusiastiche opinioni del «blogger italiano» Roberto D’Agostino (papà di dagospia.com) – «E’ risorto Andy Warhol!» – e del «critico mediatico» Gianluca Nicoletti, (scrittore noto anche su Second Life con l’avatar di bitser Scarfiotti) – «Evento magnifico» – chiosava:«Un giorno vandalo, un giorno artista».
Dietrofront, quello della sinistra “istituzionale”, accompagnato dalle pernacchie giubilanti degli intellettuali di riferimento. Se Veltroni aveva parlato a caldo di «offesa a Roma», Ennio Morricone, pure neoeletto all’assemblea costituente del Pd, si era mostrato di tutt’altro avviso: «Idea geniale, quel tizio ha fatto una pubblicità enorme a Roma». E non si riferiva certamente al sindaco. Che poi sull’utilità della festa del cinema – oggetto, ricordiamolo, della protesta neofuturista – si può discutere, ma come non dare ragione a Fulvio Abbate (autore della bella Roma, guida non conformista alla città)? «La cosa più straordinaria di questa seconda edizione, quella che tutti ricorderanno, è la fontana rossa». Tutto il resto è noia, costosissima noia. L’ha ricordato Giampiero Mughini: «Il futurismo andava contro le grandi istituzioni culturali mummificate». E, nonostante la giovane età, la gioiosa macchina da presa veltroniana non sembra così in salute. Rimane il dilemma: futurismo o non futurismo? Le opinioni sulla blogsfera (quella con il cuore che batte a destra) si fanno articolate. Per Giacomo Petrella, animatore del blog Lettera Maltese, «il fantastico gesto della Trevi rossa, che ricorda la toga praetexta del puer divenuto civis e l’album dei King Crimson, non è futurista, non immagina qualcosa di radicalmente nuovo, non innova per il gusto di farlo, ma rappresenta l’incontro tra tradizione e modernità, mito e azione, storia e capacità d'incidere sull’attualità da un punto di vista comunicativo e sociale». Fabrizio Ghilardi, dal sito Action Now, protesta e puntualizza: «E’ subito partita la ricerca della matrice politica. Il solito problema dell’Italietta nostra, bigotta e poliziotta, tutta intenta a ricercare i mandanti. Che abbiano fatto un’azione in stile futurista non c’è dubbio». Adriano Scianca va oltre: «Per me quel tizio può essere anche dell’Azione Cattolica, sai che me ne frega di fronte a un gesto così bello». Qualcuno, invece, prova ad accostare l’iniziativa del tintore alle stampelle storaciane offerte alla Montalcini, provocando l’ira di Renzaglia: «No, quello è becerume, tra le stampelle alla senatrice e l’azione della Fontana di Trevi corre la stessa differenza che c’è tra un verbale di contravvenzione ed una poesia di Majakowskji». Martin Venator (alter ego virtuale di Giampaolo Rossi), sul suo blog dell’Anarca è, come sempre, tranchant: «Ha ragione Veltroni quando sostiene che è stato “un gesto estraneo alla cultura democratica”, mica l’hanno messo ai voti o fatto le primarie per deciderlo». Per poi concludere: «Si è trattato di pura poesia futurista, di fantasia elettrizzante, di ironia e colore... e il vero vandalo è il Veltroni che ha distrutto l'Ara Pacis con l'ecomostro di Meier, arrestatelo!». Roba da far rimpiangere Renato Nicolini, l’assessore romano ad una cultura che non aveva paura di sembrare effimera, consapevole di come la politica si faccia anche e spesso soprattutto con i gesti: «Nel ’67 anche noi della Fgci mettemmo l’anilina proprio nella fontana di Trevi per protestare contro il vicepresidente americano Humphrey. Veltroni, però, ancora non c’era… troppo piccolo». Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti di Roma e paradossalmente, come ha notato ironicamente il filosofo Gianni Vattimo, «l’unica speranza di vedere un po’ di rosso in giro viene da destra». A tal riguardo, Carlo Rienzi, presidente del Codacons, ha azzardato un’alternativa cromatica: «Tingere un giorno a settimana l’acqua della fontana con colori diversi. Il vero danno è rappresentato dai metalli tossici delle migliaia di monetine gettate e poi… l’acqua non zampilla più dalle statute!». E anche le idee non è che zampillino dalle svagate testoline degli amministratori romani. Ma la notizia più sorprendente è un’altra: s’è indignata anche la Ekberg, sì, l’Anitona, proprio lei. Pensare che le sue forme prosperose nell’indimenticabile Dolce Vita felliniana provocarono persino un’interrogazione parlamentare per «l’offesa palese alle virtù e alla probità della popolazione romana e la banale canzonatura dell'alta missione di Roma quale centro del cattolicesimo e di antiche civiltà». Un po’ come il Veltroni che si scaglia contro Miss Italia, “ma anche” contro il buon Cecchini. «Indagato per genio», sostiene Renzaglia, che già si appresta a promuovere una raccolta fondi «per le eventuali spese legali cui, eventualmente, andrà incontro». Perché – per dirla ancora con Miro – c’è chi, «nell’incapacità di vedere il bello, ne pretende la riduzione in un paio di articoli del codice penale».

12 commenti:

Giovanni Di Silvestre ha detto...

Se pensiamo che i writer imbrattano i muri della città rovinandoli mi sembrano ridicole le proteste dei politici. Veltroni si preoccupi della viabilità a Roma, della mancata applicazione delle norme della 626 nei musei di Roma (soprattutto i Capitolini e Montemartini) si preoccupi delle periferie e non solo del cinema e delle Notti Bianche

Luciano Bove ha detto...

Io appena ho visto la notizia sul corriere.it ho subito fatto un post limitandomi a mostrare la foto parlando di un atto vandalico (quale é stato per me). Sono stato inondato di contatti e tra i commenti una buona parte si riferiva ad una interpretazione artistica del gesto...

Complimenti per il blog!

miro renzaglia ha detto...

bel riepilogo...

posso mettere per intero la dichiarazione rilasciata e poi limitata per evidenti problemi di spazio?

posso?

non posso?

posso... posso...

"E’ stata la più formidabile performance artistica che Roma abbia ospitato da molti decenni a questa parte e, con assoluta certezza, la più bella poesia mai scritta su Fontana Di Trevi. La bellezza non ha senso né finalità seconde: perfino il volantino che ha inteso spiegare l’atto in sé è un di più. Sicuramente di troppo, invece, sono le oche del Campidoglio e dintorni che, nell’incapacità di vedere il bello, starnazzano sul gesto artistico pretendendone la riduzione in un paio di articoli del codice penale. Ancora e sempre, i nipotini di Platone vogliono che la poesia rimanga fuori dalle mura cittadine, soprattutto se a scriverla sono i discendenti di Marinetti: al massimo, abbiamo il dovere di sorbirci, per di più pagandola di tasca nostra, quella rifritta che passano loro... E, pagare per pagare, sul mio sito ho lanciato la proposta di soccorrere Graziano Cecchini, indagato per genio, per le eventuali spese legali cui, eventualmente, andrà incontro..."

Roberto Alfatti Appetiti ha detto...

Per Giovanni:
Veltroni si preoccupi, ma anche noi non siamo tanto tranquilli.

Per Luciano:
Complimenti a te, bel sito e poi... un saluto a Parigi.

Per Miro:
Certo che puoi.
La tua dichiarazione m'è piaciuta troppo.
Un abbraccio

Giovanni D. S. ha detto...

Per Roberto

Lo dici a me che lavoro ai Capitolini in condizioni di sicurezza critiche? con i fili elettrici che mi passano sotto il tavolo?

Anonimo ha detto...

Cos'altro aggiungere al già preziosamente detto ma mai abbastanza...??? Alcuni versi del visonario e futurista Corrado Govoni, il cui movimento delle parole riflette quel movimentato e "movimentoso" rosso trevi:

"I prati e le campagne paonazze
s'animan di scalpicci di cavalli;
gli alberi sembrano strani coralli
eretti in mezzo ad onde paonazze"

Susanna Dolci

Roberto Alfatti Appetiti ha detto...

Lo dicevo tra me e me :)

E bravo Govoni.

Riguardo all'affaire Cecchini... sul fatto è sceso il silenzio.
La lunga mano della politica?
Bah.

miro renzaglia ha detto...

t'ho combinato un giochetto:


la costellazione blog dei renzaglia- appetiti


vedi un po' se ti piace?

Roberto Alfatti Appetiti ha detto...

Sembra un'associazione a delinquere! :))

Anonimo ha detto...

Beh...il gesto di Cecchini ha avuto, tra gli altri, il pregio di far riemergere Giovanni!!

Ciao Giovà!!

Andrea Gigliesi

Anonimo ha detto...

Privat Sexcams

Anal Amateure

Amateure Sex

Anonimo ha detto...

Yes if the truth be known, in some moments I can say that I acquiesce in with you, but you may be in the light of other options.
to the article there is even now a without question as you did in the go over like a lead balloon a fall in love with issue of this demand www.google.com/ie?as_q=youtube flv to avi converter pro 2.2 ?
I noticed the catch-phrase you suffer with not used. Or you functioning the black methods of inspiriting of the resource. I have a week and do necheg