venerdì 15 febbraio 2008

Curve, è Milano la nuova capitale delle tifoserie (di Giovanni Tarantino)

Articolo di Giovanni Tarantino
Dal Secolo d'Italia di venerdì 15 febbraio 2008

Calciopoli ha tolto un milione di tifosi alla Juventus. Questa la principale notizia che emerge da una ricerca demoscopica denominata Sport Fans realizzata da Stage Up e Ipsos sul target commerciale di tifosi di calcio di età compresa tra i 14 i 64 anni. Gli scandali e la serie B pare che abbiano sottratto alla “Vecchia Signora” il 17% dei sostenitori negli ultimi due anni. La città di Torino nel complesso perde così il vecchio primato di “capitale dei tifosi” superata da Milano, città di Milan e Inter. Pur rimanendo infatti la Juventus la prima squadra d’Italia con poco più di 7 milioni di supporter è il Milan a balzare al secondo posto della classifica stilata dalla statistica, e resa nota dal Guerin Sportivo, con 4,8 milioni di tifosi, il 33% in più rispetto al biennio 2004-2005. I rossoneri così, in virtù delle recenti vittorie di trofei internazionali, hanno superato, quanto a numero di tifosi, i “cugini” Campioni d’Italia in carica dell’Inter: trend positivo, tuttavia, anche per i nerazzurri, 4,3 milioni di tifosi, + 14% rispetto al 2004-2005. Le due squadre milanesi, quindi, rappresentano il più grande bacino di tifosi per singola città: 9,1 milioni contro i 7,4 di Torino.
Anche Roma e Lazio registrano un sostanzioso calo di fan: quinti i giallorossi con 1,5 milioni, ultimi a poter vantare una tifoseria numericamente superiore al milione. Quella biancoceleste invece è una lieve flessione, meno 4%, dovuta probabilmente all’assenza di giocatori simbolo come erano un tempo Beppe Signori o Paolo Di Canio.
Quarta città d’Italia, calcisticamente parlando, è Napoli: 1,8 milioni sono i tifosi azzurri. Nella top 10 del tifo emergono invece Fiorentina (+12 %) e Palermo (+6%). Tutti dati interessanti anche in funzione dei cambiamenti che interesseranno il mondo del tifo calcistico: dalla stagione 2010-2011, infatti, la contrattazione per i diritti televisivi ritornerà collettiva. Buona parte dei ricavi annuali, ovvero il 25%, saranno ripartiti a seconda del numero di tifosi dei singoli club. Si stima che le cifre che girano intorno al numero dei tifosi sono circa 250 milioni di euro, una somma notevole. Probabilmente questo inciderà nelle politiche aziendali delle varie società di calcio: è possibile che il tifoso, forse trascurato negli ultimi anni da un sistema che ha cercato altrove i propri introiti, torni allora finalmente, e si spera in senso positivo, protagonista.
Giovanni Tarantino è nato a Palermo il 23 giugno 1983. Collaboratore del Secolo d’Italia, si è laureato in Scienze storiche con una tesi dal titolo Movimentisti. Da Giovane Europa alla Nuova destra.



3 commenti:

Giovanni Tarantino ha detto...

Grande Roberto!
Che video spettacolare...
Non potevi farmi regalo migliore!

Roberto Alfatti Appetiti ha detto...

Grazie a te, il tuo articolo mi ha fatto venire in mente la leva calcistica del '68 e un calcio che non c'è più. A dodici anni - l'età di Nino - avevo due passioni: la Juventus e Almirante.
Chissà che avrebbe pensato del Pdl... :)))

Ivan ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.